(Recensione da Redazione web)

La CANZONE impegnata di AGNESE Ginocchio,cantautrice per la Pace

 

 

"Quante volte ho visto incatenare...

veri Uomini e Donne diversi che hanno creduto in un IDEALE..!

Pensati dei pazzi..dei folli,eran Uomini veri...eran Uomini Eroi.

A volte si deve rischiare...si deve lottare fortemente sperare..

Contro le guerre e poi ...razzismi..schiavitù...

Violenze  e odi che ci uccidono nei cuor..

Forse noi Uomini,non siamo tutti ugual..?

Amore..non c'è Amore più.!Domani che sarà.?"

 

Genova, 15 Novembre 2003 3^Azione ecclesiale Nonviolenta

Agnese Ginocchio,cantautrice per la Pace(Alife-Caserta)

 

 

La canzone di AGNESE Ginocchio (www.agneseginocchio.it) diventa Messaggio d'impegno a favore della causa della Giustizia e dei Diritti dell'Uomo che camminano a pari passo con  la Pace.Le parole di questo testo tratto da una sua recente canzone:"Dimmi come sarà il Domani?"sono state dedicate in particolare a due padri missionari comboniani :P.Giorgio Poletti e P.Francesco Nascimbene,che operano a Castelvolturno(Caserta)una delle zone più a rischio in Italia,per via del traffico illegale di droga ,prostituzione,schiavitù,clientela,controllato e gestito dalla malavita .In questa zona c'è il maggior afflusso di immigrati africani e non solo.

Il carisma di Daniele Comboni Padre ,fondatore dei missionari comboniani ,che ha svolto il suo apostolato e missione  in Africa,è stato proprio quello di difendere i diritti dei poveri,delle popolazioni più dimenticate dal resto del mondo:gli africani.

Questo suo assiduo impegno dedito e completo,l'ha portato agli onori dell'altare,tant'è che lo scorso 5 Ottobre 2003 è stato canonizzato a Roma dal S.Padre Giovanni Paolo II.

I missionari comboniani seguaci di S.Daniele Comboni,operano in tutto il mondo.

A partire dallo scorso Aprile 2003 a seguito della legge di repressione Alto Impatto Bossi-Fini,lungo il litorale Domitio(nei pressi di Castelvolturno-Caserta),le forze della polizia  hanno cominciato a mettere in pratica  una serie di azioni di rastrellamento ,contro i poveri immigrati africani.

L'unica colpa di  questa povera gente era quella di non avere in possesso i permessi di soggiorno,che gli consentisse di vivere e lavorare regolarmente e dignitosamente.

Senza lavoro regolare gli immigrati sono costretti a cadere nella trappola del lavoro nero e della prostituzione,controllato dai boss della camorra;se si ribellano vengono  uccisi.

Gli agenti di polizia entravano all’improvviso anche nelle loro case e li arrestavano .Gli immigrati trovati senza permesso di soggiorno venivano presi e buttati in prigione ,trattati come spazzatura...peggio dei malviventi...

Gli si dava l'ordine immediato di procurarsi un passaporto in tre giorni per potersene tornare da dove erano venuti.

Ma come si poteva in tre giorni procurargli  un passaporto,quando sappiamo che per termini burocratici,occorre molto più tempo ?
E come poi avrebbero fatto questi poveretti senza lavoro o lavoro saltuario ad avere il denaro  necessario per il passaporto ?
Una vera e propria  ingiustizia sociale.

Ecco che uno dei due Padri,l'ideatore della protesta denominata: "AZIONE diretta ECCLESIALE NONVIOLENTA",P.Giorgio Poletti,affronta di petto la situazione,usando un gesto forte,un gesto controcorrente, simbolico,quello delle catene.

Col permesso del Vescovo di Caserta,inizialmente,si incatena davanti alla questura e prefettura di Caserta notte e giorno,insieme al confratello: P.Francesco Nascimbene portando avanti quest'Azione diretta nonviolenta per diversi giorni,settimane.

Il loro gesto voleva essere un segno di protesta  di fronte a simili ingiustizie... sollecitare il prefetto ed il questore rappresentanti del governo, a rilasciare i permessi di soggiorno agli immigrati , affinchè cessassero questi atti di razzismo e di repressione nei riguardi degli immigrati.

Non è stato facile per loro affrontare questa lotta pacifica e nonviolenta,poichè le forze pubbliche della provincia,il sindaco di Castelvolturno e altri... gli si sono schierati contro,usando anche la forza per intimidirli.Di fronte però all'appoggio e alla solidarietà della gente,anche attraverso la raccolta di firme e svariate iniziative a favore dei comboniani, soprattutto grazie anche alla loro caparbietà…e coraggio che hanno dimostrato nell’esporsi in prima persona,riuscendo a portare avanti quest’azione con molta serenità,certi che La Giustizia divina fosse stata dalla loro parte,le forze pubbliche hanno dovuto cedere il passo e mettersi da parte...

La legge Alto impatto Bossi-Fini è uno dei decreti  più macabri e gravi che siano mai potuti accadere nel corso di questo nostro secolo.E’ una legge  creata da questo sistema di morte, che minaccia l'equilibrio del pianeta e dell'uomo.

A  quest'azione portata avanti dai Missionari Comboniani di Castelvolturno, sono seguite una serie di  manifestazioni di protesta

 

Genova, 15 Novembre 2003 3^Azione ecclesiale nonviolenta

P.Giorgio Poletti e D.Andrea Gallo

 

 

tuttora in atto,perché -come suol dire P.Giorgio Poletti-siamo solamente all'inizio.Queste manifestazioni hanno  avuto  forte risonanza pubblica.Anche la Tv (Primo Piano Rai3;Cominciamo Bene Rai3;C'era una volta Rai3 curata da  Silvestro Montanaro, giornalista del Mattino etc…),giornalisti di quotidiani  provinciali e nazionali (Raffaele Sardo,Angela Rossi,Vincenzo Ammaliato-per l’Unità,il Mattino ediz.di Caserta e prov;Carmosino e Barbieri per Carta;E.Buccoliero per Nonviolenti.org;Loredana Morandi,giornalista di Roma;Mosaico di Pace di Pax Christi;etc…), redazioni web(Peacelink,telematica per la Pace;Meltingpot;il Nuovo;l’Unità ondine;Nigrizia;Misna;Unimondo;Lilliput;Un ponte per...etc..)si sono attivati a favore di questa causa , lanciando l’appello e ,come si diceva,c’è stato un forte appoggio e risposta da parte di associazioni laiche,movimenti per i diritti degli immigrati,centri sociali(ex canapificio-Caserta),gente comune e religiosi(Suore Orsoline della Comunità RUT e Padri Sacramentini di Caserta,DonVitaliano Della Sala,P.Giorgio Pisano -Centro AGORA’Portici-Na,Alex Zanotelli,pacifista e missionario comboniano,P.Michele e Fernando dei comboniani di Casavatore-Na,Padre Claudio e Fratel Nicola dei comboniani di Castelvolturno-Ce,P.Michele Stragapede dei comboniani-Bari;I comboniani di Firenze e di Padova;Le suore comboniane;etc...) impegnati per la Pace e la solidarietà non solo nel casertano,ma da tutta l’Italia.Sono state mandate cartoline al ministero degli interni, indirizzate al  ministro Pisanu ,sollecitando lo stesso  a rilasciare i permessi di soggiorno.

La cantautrice casertana Agnese Ginocchio pacifista ,impegnata da sempre  a favore della Pace e della Giustizia,avendo appreso notizia di quel che stava accadendo nel cuore della sua  provincia,subito si è attivata a favore di questa causa appoggiando in prima persona i due Padri e Amici Comboniani ,si è fatta portavoce del messaggio,partecipando all'azione di incatenamento a Caserta davanti alla questura e prefettura lo scorso 21 giugno 2003,poi a Roma davanti a Montecitorio il 5 Ottobre in occasione della canonizzazione di Daniele Comboni in un sit-in ove erano presenti molte associazioni nazionali,oltre a una massiccia presenza di immigrati africani e a note personalità politiche e della televisione(Il vice sindaco di Roma.Maria Pia Garavella,l'attore Giulio Scarpata di un medico in famiglia,Alex Zanotelli missionario comboniano pacifista,missionari e suore comboniane della commissione Giustizia e Pace,giornalisti Rai..etc..).Una delle ultime azioni svolte è quella dello scorso 15 Novembre 2003 ,ove in ben 22 città italiane in  contemporanea sono stati rilasciati simbolicamente Permessi di Soggiorno agli Immigrati in Nome di Dio,perchè -ha spiegato P.Giorgio-Dio non fa alcuna distinzione tra gli uomini,in quanto tutti figli suoi...-

Anche in questa occasione,cui erano presenti le telecamere della Rai che hanno ripreso e mandato l'intero servizio al TG3 nazionale della sera,Agnese ha accompagnato P.Giorgio a Genova,ospiti presso il noto:D.Andrea Gallo,che più volte abbiamo visto in televisione a sostenere tante cause sociali e fondatore della Comunità di recupero S.Benedetto al Porto,impegnato anche lui fortemente contro ogni forma di ingiustizia e di razzismo.

L'azione dei comboniani continua...Portavoci del messaggio di Fratellanza e solidarietà a favore degli immigrati,verso i quali hanno scritto anche una bellissima preghiera,in cui hanno chiesto PERDONO,a nome di tutti gli uomini,per ogni  forma di ingiustizia e torto che loro hanno subito.

L’invito infine ad Agnese Ginocchio ,cantautrice per la Pace,che ha scritto e dedicato ai Missionari Comboniani la canzone di cui si parlava all’inizio:"Dimmi come sarà il Domani.." (per il testo completo contattare l’autrice),che è stata presente e cantato con la sua chitarra, lungo lo svolgersi e l’evolversi di tutte queste azioni dirette nonviolente,a favore della causa degli immigrati  e continua a cantare e a portare dappertutto il Messaggio della Giustizia e  Solidarietà che camminano a pari passo con la Pace,a  Lei dunque ,da questa redazione web le auguriamo di cuore :Forza,Coraggio,Testimonianza lungo la strada e di non stancarsi mai di essere "VOCE,GRIDO" per Chi non ha più voce e di cantare la VITA,l'Amore,la PACE nel mondo e per ogni UOMO!

Auguri  AGNESE cantautrice di Pace !

 

Genova, 15 Novembre 2003 3^Azione ecclesiale Nonviolenta

Da sinistra:

D.Andrea Gallo,fondatore della Comunità S.Benedetto al Porto

Agnese Ginocchio,cantautrice casertana (Alife-Ce)per la Pace

P.Giorgio Poletti missionario comboniano di CastelVolturno (CE)