"AGNESE Ginocchio" (AGNESE Ginocchio Italian songwriter for Peace and Justice..)

Una voce contro le guerre  (A Voice against War)

di Emilio Di Donato www.casertamusica.com   (sito ufficiale e portale della musica di Caserta )-State-Italy

casertamusica.com - Settimanale di musica, arte e cultura casertana - Fondato e diretto da Emilio Di Donato - mail: redazione@casertamusica.com


Segnaliamo il sito web di Agnese Ginocchio, cantautrice di Alife (Caserta), all'indirizzo www.agneseginocchio.it. Agnese diffonde con le sue canzoni un messaggio impegnato, che affronta non solo tematiche sentimentali, ma soprattutto sociali e a favore della Pace, contro tutte le guerre, attraverso la musica moderna, che spazia tra lo stile melodico e il pop-rock acustico.Ha partecipato a diversi concorsi di carattere  regionale e nazionale,uscendone talvolta finalista e vincitrice(Gran Premio della Canzone Italiana Roma-2000-categoria cantautori. Per bio/curriculum andare su: www.agneseginocchio.it)
L'impegno pacifista della cantautrice è molto marcato: "Ho cantato " - ci racconta Agnese - "alla recente marcia della Pace organizzata dal Comitato Caserta Città di Pace, svoltasi a Caserta il 14 Dicembre scorso. Ho cantato alla Marcia Nazionale Perugia - Assisi, partecipo alla maggior parte di tutte le manifestazioni pacifiste e Marce, fra cui spesso intervengo anche a cantare."

La cantautrice ha scritto una canzone per la pacifista e attivista americana Rachel Corrie, schiacciata da un bulldozer israeliano mentre impediva attraverso un'azione nonviolenta, interponendosi col suo corpo, l'abbattimento delle case dei Palistinesi. "Ho conosciuto personalmente i suoi genitori, a cui ho cantato la canzone e consegnato il CD, qui in Italia a Ovada, in provincia di Alessandria in Piemonte, lo scorso 11 Settembre, all'inaugurazione di un centro per la Pace e la nonviolenza dedicato a Rachel, che è divenuta il simbolo mondiale dell'attuale movimento pacifista."

"No nel Nome PACE...si può uccidere l'uomo..!/No nel Nome PACE...si dichiara GUERRA..no!/No nel nome PACE si può osare il male..!Oh..no..no!Oh..no..no..!/Oh..no..no../Oh Colomba bianca insanguinata...oh Colomba bianca martire...!/(dedicated to :Rachel Corrie pacifist-By AGNESE Ginocchio Italian Songwriter for Peace..)

Agnese inoltre ha ricordato anche il pacifista inglese "Tom Hurndall",scomparso lo scorso gennaio 2004,in seguito ad un coma irreversibile provocato dalla ferita di un proiettile alla testa,che lo ha colpito mentre metteva in salvo un gruppo di bambini in Palestina.La cantautrice lo ha voluto ricordare scrivendo e dedicandogli una canzone composta qualche giorno dopo la sua scomparsa.

 

Agnese Ginocchio

www.casertamusica.com - Settimanale di musica, arte e cultura casertana - Diretto da Emilio Di Donato 
Mail: redazione@casertamusica.com; Articoli e foto ©  Casertamusica.com  1999 / 2004
In assenza di espressa autorizzazione è vietata la riproduzione o pubblicazione, totale o parziale, degli articoli.
************************************************************************************************************************

AGNESE Ginocchio-cantautrice per la Pace (Agnese Ginocchio-Songwriter for peace)

alla 9°MARCIA DELLA PACE Caserta città di Pace anno 2003 

                       
IL MESSAGGIO DEL VESCOVO DI CASERTA AI GIOVANI, PER LA IX MARCIA DELLA PACE
(di Redazione P.boys.it) 03/12/2003 20.09.21

 NO ALLA GUERRA - (03 dicembre, h.20.8) - In occasione della IX Marcia della Pace, organizzata dal Comitato “Caserta Città di Pace”, le diverse realtà ecclesiali della diocesi di Caserta, in comunione con la persona del nostro Vescovo Raffaele Nogaro,imperterrito sostenitore della Pace ,che ha condannato in modo più assoluto la guerra di aggressione in Iraq ribadendo  il suo NO alla missione delle truppe militari in Iraq,sentono di partecipare alla manifestazione con un messaggio chiaro di promozione della pace e con proposte alternative alla logica della guerra che è sempre “aliena alla ragione umana” (Giovanni XXIII). La Chiesa che è in Caserta, consapevole che “le disuguaglianze economiche, sociali, e culturali troppo grandi tra popolo e popolo provocano tensioni e discordie, e mettono in pericolo la pace” (Paolo VI), intende camminare con l’intera umanità e condividerne la sorte nel corso della storia. A tal proposito, la comunità diocesana non può esimersi nel far sentire la propria voce a difesa di ogni vita umana, nel promuovere il bene comune e nel denunciare logiche irrazionali per risolvere situazioni e fenomeni di tensione le cui conseguenze sono imprevedibili. Questa voce, diventa oggi, in un mondo confuso e disorientato, soprattutto, grido di invocazione!Ribadiamo, pertanto, con fermezza il nostro: NO ALLA GUERRA, all’uso delle armi e all’occupazione di territori, quale soluzione per risolvere problemi politici, tensioni sociali e fenomeni come il terrorismo, e per evitare l’innescarsi, sempre più, della spirale della violenza; NO AL TERRORISMO e a tutte le forme di resistenza armata quale risposta alle situazioni di ingiustizia, di disuguaglianza, di insofferenza o malcontento a livello locale e mondiale, di rabbia e di disapprovazione nei confronti di politiche internazionali e regionali; NO ALLA PRODUZIONE DELLE ARMI che alimenta e sostiene il terrorismo e le guerre; NO AL RAZZISMO e ad ogni tipo di discriminazione politica, economica, sociale, culturale e religiosa; NO ALLA PARTECIPAZIONE ITALIANA ALL’AZIONE MILITARE IN IRAQ E ASSOLUTAMENTE NO AL RINNOVO DELLA PRESENZA DEL CONTINGENTE ITALIANO in quanto “l’Italia ripudia la guerra” (art.11 Cost. Italiana) e la presenza militare in Iraq fa del nostro paese una “potenza occupante”. E intendiamo sostenere e farci promotori di una vera cultura della pace affermando il nostro: SI ALLA PACE, alla non violenza, al perdono, alla giustizia sociale, unica via per la promozione del bene comune, lo sviluppo della libertà e della democrazia, l’autodeterminazione dei popoli, la convivenza tra culture diverse; SI ALLA MEDIAZIONE INTERNAZIONALE E ALLE INIZIATIVE DI AIUTO UMANITARIO affinché prevalga il dialogo e il negoziato sulla violenza e sulle armi, e siano promossi, sostenuti ed incoraggiati aiuti da parte di enti, associazioni e organizzazioni non governative, coordinate dalle agenzie delle Nazioni Unite, quale segno inequivocabile di impegno umanitario a favore della popolazione irachena; SI ALLA RICONVERSIONE DELL’INDUSTRIA BELLICA, per sostenere progetti umanitari in risposta ai bisogni primari di tante popolazioni disagiate; SI AI DIRITTI PER OGNI UOMO E DONNA DELLA TERRA per un mondo senza confini, senza barriere e senza muri; SI AL RITIRO DELLA PRESENZA MILITARE ITALIANA IN IRAQ quale segno forte di impegno della politica italiana nel disinnescare la spirale della violenza e dell’odio che tende ad estendersi ad altre nazioni con conseguenze inimmaginabili. La bandiera della Pace, simbolo di unità tra tutti i popoli, sarà il segno visibile per tutte le vie della città del nostro impegno di pace. La Marcia della Pace, giunta alla sua nona edizione, si è tenuta a Caserta lo scorso 14 dicembre 2003. Un appuntamento di grande solidarietà, ormai consolidato e fortemente avvertito da tutti; ma quest'anno con una tensione maggiore, quella dei drammatici attentati e delle guerre nel mondo.Aver  marciato quest'anno ha avuto una ragione in più. La ragione di esserci ritrovati insieme per una Marcia della Pace diventata la Marcia verso la Pace. L'appuntamento di domenica 14 dicembre 2003 davanti alla Stazione Centrale di Caserta con partenza dal piazzale Ferrovia ha attraversato la città ed è terminato in piazza Pitesti, culminando in un breve intervento di chiusura per una comune riflessione, sul tema: "Pace per tutti, sempre e ovunque." Testimonial della nona Marcia della Pace è stato Tonio Dell’Olio, coordinatore nazionale di Pax Christi, Movimento internazionale per la Pace,"Alex Zanotelli", pacifista e missionario comboniano e Autorità Civili.

************************

Si è inoltre aperto e concluso poi  con un intervento musicale in tema di Agnese Ginocchio cantautrice ,impegnata da sempre per la pace e presente alla maggior parte delle marce e manifestazioni pacifiste in Italia.Il suo nome si legge sempre più spesso sui quotidiani provinciali  e regionali,per il continuo suo lavoro a favore della pace.Agnese inoltre ha collaborato e svolto presidi e sit-in  insieme ai missionari comboniani chie si sono incatenati davanti alla questura di Caserta,per difendere i diritti degli immigrati e per protestare contro la repressione e contro la legge alto impatto Bossi-Fini.Anche il sito ufficiale di Caserta musica.com,  portale della musica della provincia le ha dedicato una pagina,alla voce musicisti e al link:

 
Agnese Ginocchio è una cantautrice, un'artista di strada, cantastorie, da tanti anni impegnata nella musica. Diffonde con le sue canzoni un messaggio impegnato, che affronta non solo tematiche sentimentali, ma soprattutto sociali e a favore della Pace, contro tutte le guerre, attraverso la musica moderna, che spazia tra lo stile melodico e il pop-rock acustico.Ha partecipato a diversi concorsi di carattere  regionale e nazionale,uscendone talvolta finalista e vincitrice(Gran Premio della Canzone Italiana Roma-2000-categoria cantautori. Per bio/curriculum andare su: www.agneseginocchio.it)
 In particolare il suo impegno va anche a favore del sociale e della Pace, per la cui causa è a contatto e collabora con tante realtà e associazioni

 Agnese Ginocchio  www.agneseginocchio.it

L'impegno pacifista della cantautrice è molto marcato: "Ho cantato " - ci racconta Agnese - "alla recente marcia della Pace organizzata dal Comitato Caserta Città di Pace, svoltasi a Caserta il 14 Dicembre scorso. Ho cantato alla Marcia Nazionale Perugia - Assisi, partecipo alla maggior parte di tutte le manifestazioni pacifiste e Marce, fra cui spesso intervengo anche a cantare."

La cantautrice ha scritto una canzone per la pacifista e attivista americana Rachel Corrie, schiacciata da un bulldozer israeliano mentre impediva attraverso un'azione nonviolenta, interponendosi col suo corpo, l'abbattimento delle case dei Palistinesi. "Ho conosciuto personalmente i suoi genitori, a cui ho cantato la canzone e consegnato il CD, qui in Italia a Ovada, in provincia di Alessandria in Piemonte, lo scorso 11 Settembre, all'inaugurazione di un centro per la Pace e la nonviolenza dedicato a Rachel, che rappresenta il simbolo mondiale dell'attuale movimento pacifista."

 

Agnese con i genitori di Rachel Corrie. E' l'11 settembre 2003. E' il giorno dell'inaugurazione del “Centro per la Pace e la Nonviolenza di Ovada (Alessandria), dedicato a Rachel Corrie”. A Cindy e Crag Corrie viene consegnato il CD con la canzone scritta da Agnese e dedicata a Rachel. )
"No nel Nome PACE...si può uccidere l'uomo..!/No nel Nome PACE...si dichiara GUERRA..no!/No nel nome PACE si può osare il male..!Oh..no..no!Oh..no..no..!/Oh..no..no../Oh Colomba bianca insanguinata...oh Colomba bianca martire...!/
(Da:"No nel Nome Pace"dedicated to :Rachel Corrie pacifist-By AGNESE Ginocchio Italian Songwriter for Peace..)

Agnese inoltre ha voluto ricordare anche il pacifista ed Eroe britannico "Tom Hurndall", scomparso lo scorso gennaio 2004,in seguito ad un coma irreversibile provocato dalla ferita di un proiettile alla testa,che lo aveva colpito mentre metteva in salvo un gruppo di bambini in Palestina;la cantautrice impegnata per la pace l'ha voluto ricordare scrivendo e dedicandogli una canzone composta qualche giorno dopo la sua scomparsa.

 

 

  "Giovani e gente di tutti i sogni e di tutti gli ideali, la pace è per voi. La pace attende il vostro impegno costante e permanente ,attraverso la solidarietà che ci fa riconoscere e vedere tutti Fratelli, con l'entusiasmo,il coraggio di esporci anche al rischio ,se necessario,per testimoniare la verità e diventare la nuova aurora dell’uomo. L’uomo nasce per amare e raccoglie tutte le giovinezze per comporre l’arcobaleno della pace. I giovani e tutti gli uomini di buona volontà,con l' inesauribile fecondità della vita pianteranno la pace in tutti i giardini della terra, perché fiorisca la liberazione e la salvezza di ogni uomo,abbattendo una volta per tutte l'inimicizia ,l'odio e ogni divisione ,ferite mortali provocate dal reo sistema di morte . Coraggio..coraggio...sappiate osare per la PACE!!!"      (dalle parole di Agnese )